Oggi vi porto in Cecenia al Lago Kezenoyam, luogo assai fuori dal nostro abituale interesse, ospitato tra le montagne di una terra scossa da guerre dagli anni 90 e fino al 2000. Un lago che leggenda vuole sia nato per una sorta di mistico Diluvio.

Che il lago sia di una incredibile bellezza è certo fuor di dubbio, ma ancora più intrigante è la sua formazione, almeno in quella della leggenda che vi vado a raccontare… Come spesso accade la virtù di un popolo viene spesso messa alla prova dalle divinità e si racconta che prima del lago sorgesse, nello stesso bacino, un antico villaggio, villaggio abitato dagli antichi Ceceni che per la loro dissolutezza, così sembra di capire dalle poche informazioni reperibili, incapparono nelle ire di Allah. Il Dio, punto di riferimento per tutti i Musulmani, decise di porre fine a questa situazione radendo al suolo il villaggio mediante innondazione, creando, la dove il peccato prosperava, un meraviglioso lago, il Lago Kezenoyam.

In questo evento catastrofico ogni abitante perse la vita, tranne una donna, che Dio decise di risparmare, anche in questo caso non è chiaro se fu fatto per la virtù della giovane o perché potesse testimoniare agli altri abitanti dei villaggi limitrofi l’accaduto.
Una leggenda davvero intrigante e che trovo interessante per le similitudini con racconti riportati nella Bibbia.

Chi sono

La mia carriera scolastica è ben lontana dal mondo del paranormale, ho frequentato un Liceo Scientifico ed ho proseguito con gli studi di Ingegneria Elettronica, anche se la mia vera passione è sempre stata la fisica, che, a dispetto dei limitati esami di ingegneria, continuo a studiare tenendomi aggiornato con libri ed alcuni abbonamenti a riviste di settore, non di quelle che si possono trovare in edicola, quelle di fisica vera direttamente trattate dai centri di ricerca.

Sono curioso per natura, e tendo ad essere particolarmente distratto da ogni nuovo stimolo, cosa che mi porta ad occuparmi di svariati argomenti contemporaneamente, a volte davvero diversi tra loro come la cucina o la meccanica…tendo a cambiare spesso prospettive di studi, ma se questa cosa è per la scuola tradizionale un bel problema, risulta invece un vantaggio quando si è liberi da vincoli imposti.

Un consiglio che lascio a tutti voi è quello di guardare verso l’alto, non accontentatevi di quel che leggete online, sviscerate gli argomenti che vi affascinano e cercate di portare la vostra comprensione sempre un gradino in su, questa è la mentalità giusta.