Il diamante maledetto: Hope, un gioiello stupendo e spaventoso

Amici non fatevi ingannare dalle apparenze… questo gioiello certamente far parte dei più bei gioielli del nostro mondo ma nasconde un terribile segreto. In effetti, il diamante Hope, come viene chiamato, ha una fama sinistra e molti dei proprietari sono stati vittime della sua terribile maledizione.

Sappiamo che è stato scoperto intorno al 1610 nella miniera Kollur a Golconda in India e pesa 45,52 carati. Alla sua scoperta questo diamante ha attirato l’interesse di un sacerdote indù che ha cercato di rubarlo inutilmente e dopo essere stato colto sul fatto, è stato torturato per il crimine. Sembra che questa sia l’origine della maledizione e nel corso della sua storia, molti proprietari hanno subito la stessa sorte.

Qualche tempo dopo il gioiello passò nelle mani di Luigi XIV ed anche in questo caso chiunque entro in contatto con il monile ebbe una triste fine… Ricordiamo in particolare Nicolas Fouquet che a causa del diamante maledetto fu condannato per appropriazione indebita ed incarcerato a vita, benché fosse innocente. A seguire la triste sorte della principessa Lamballe che poco dopo averlo indossato fu trucidata da una folla inferocita.

Sembra che lo stesso re Luigi XIV iniziò ad avere sfortuna a partire dal momento che divenne proprietario del diamante, dopo la sua morte il potere politico francese ebbe un tracollo, non dimentichiamo infatti che gli ultimi proprietari francesi di questo diamante prima che fosse rubato nel 1792 da ladri inglesi, furono  Luigi XVI e Marie Antoinette, che saranno entrambi ghigliottinati.

Nel 1909, il sultano Abdul lo comprò per 400.000 dollari per donarlo alla sua concubina preferita Subaya e poco tempo dopo perse tutto il suo patrimonio e potere… Negli anni 40 del 900 il diamante passo nelle mani di Simon Montharides che morì tragicamente di incidente insieme alla moglie ed alla figlia.

A questo punto arriviamo al 1947 quando il magnate finanziario Ned McLean diventato proprietario del gioiello cade in disgrazia, perde tutti i suoi averi e vede la sua famiglia distrutta dalla povertà, la droga e alcuni incidenti, la moglie unica superstite finì i suoi anni in un ospedale psichiatrico lasciando ai nipoti il diamante ancora stranamente in suo possesso, quasi che lui stesso abbia una sua volontà.

Fu a questo punto venduto dai nipoti dei Mclean al commerciante di preziosi Harry Winston che vide la tragica morte della moglie per cause sconosciute nel 1967. A seguito di questo ultimo fatto Harry decise di donare il gioiello allo  Smithsonian ed ora sappiamo che si trova a Washington DC presso il Museo Nazionale di Storia Naturale negli Stati Uniti, probabilmente in attesa di mietere altre vittime…