I Druillios. Amici la tradizione popolare Sarda è ricchissima di esseri paranormali di ogni tipo, esseri di cui abbiamo discusso in diversi articoli precedenti, ma questo di cui voglio parlarvi oggi è particolarmente interessante perché non solo è malvagio ma ha una particolare collocazione geografica.

Stiamo parlando dei Drullios… Questi esseri abitano la celebre gola de “Su Gorropu” ossia un profondo canyon ubicato nel Supramonte, in Sardegna. Questa gola si è originata grazie all’intensa azione erosiva provocata delle acque del Rio Flumineddu, con i suoi oltre 500 m di altezza ed una larghezza che varia da poche decine a circa 4 metri, è considerata uno dei canyon più profondi d’Europa ed ospita diversi endemismi sardi.

Si dice che durante le notti tempestose queste creature chiamate Drullios escano allo scoperto, saccheggino le case e facciano razzia di bestie… Sempre secondo la tradizione più antica il loro aspetto è simile a quello della Morte, un viso spiritato con una espressione che ricorda un urlo senza fine…

Si tratta naturalmente di leggende e per tali le dobbiamo analizzare, anche se nonostante sia conscio che si tratta di fantasia popolare dubito che mi avventurerei in quel luogo durante un temporale…

Molto probabilmente la leggenda ha preso vita a causa dei tanti banditi che trovavano rifugio in luoghi raggiungibili con difficoltà e spesso, con il favore delle tenebre e dei temporali più rumorosi, effettuavano delle scorribande per procacciarsi il necessario per vivere.

Chi sono

La mia carriera scolastica è ben lontana dal mondo del paranormale, ho frequentato un Liceo Scientifico ed ho proseguito con gli studi di Ingegneria Elettronica, anche se la mia vera passione è sempre stata la fisica, che, a dispetto dei limitati esami di ingegneria, continuo a studiare tenendomi aggiornato con libri ed alcuni abbonamenti a riviste di settore, non di quelle che si possono trovare in edicola, quelle di fisica vera direttamente trattate dai centri di ricerca.

Sono curioso per natura, e tendo ad essere particolarmente distratto da ogni nuovo stimolo, cosa che mi porta ad occuparmi di svariati argomenti contemporaneamente, a volte davvero diversi tra loro come la cucina o la meccanica…tendo a cambiare spesso prospettive di studi, ma se questa cosa è per la scuola tradizionale un bel problema, risulta invece un vantaggio quando si è liberi da vincoli imposti.

Un consiglio che lascio a tutti voi è quello di guardare verso l’alto, non accontentatevi di quel che leggete online, sviscerate gli argomenti che vi affascinano e cercate di portare la vostra comprensione sempre un gradino in su, questa è la mentalità giusta.