Un quarto a mezzanotte: Una storia da brividi per il vostro Halloween

Per accompagnare questo racconto mettete in play la colonna sonora che che scelto per voi…

-Ancora uno stupido Halloween, tutte quelle orribili maschere e quei dannati bambini con la loro zucca di plastica, non ne posso più, quest’anno non aprirò la porta a nessuno e me ne starò rintanato in casa aspettando che passi.

E così il giorno calava e il frastuono delle auto ed il brusio delle persone lasciava spazio al silenzio prima dell’inizio della raccolta di Halloween, eppure sembrava che qualcosa fosse diversa quest’anno, il silenzio durava più del normale.

Possibile che quegli stupidi mocciosi questa volta abbiano deciso di lasciarmi in pace? Ah, sarei troppo fortunato, stanno architettando qualcosa.

Così Fred accostò l’orecchio alla porta sperando di percepire qualche suono, ma non si sentiva nulla, nessun suono, niente di niente.

-Diavoli di marmocchi, la stanno orchestrando bene… Credono di spaventarmi? Bene sarò io a prendere loro.

Fred aprì la porta di scatto e guardò fuori, ma non poteva essere preparato a quel che vide, tutto era fermo, immobile ed una nebbiolina grigiastra riempiva tutto. Le case dei vicini sembravano meno vicine del solito, e le più lontane erano del tutto scomparse.

-Che razza di diavoleria è mai questa? Dannati mocciosi! Vengo a prendervi e vedrete che fine farò fare ai vostri stupidi trucchi!

Velocemente si lanciò in mezzo alla nebbia urlando minacce senza senso, ma niente si mosse e nessuno gli rispose, si girò per rientrare in casa ma la sua porta era lontana… Le case circostanti, che ancora poteva vedere, ora erano quasi scomparse del tutto e cercò disperatamene di correre verso la luce della sua casa, ma più correva e più si allontanava…

-Basta vi prego! Ho paura!

Fred in preda al terrore cadde a terra ed iniziò a piangere e singhiozzare, e fu allora che vide qualcosa uscire dalla nebbia. Pareva un uomo coperto da un lenzuolo marcio che perdeva dei lembi man mano che si avvicinava, quando fu abbastanza vicino intravide il volto, un volto vuoto e senza espressione. Fred urlò e si dimenò finché il lenzuolo non lo ricoprì del tutto, poi il silenzio.

-Ciao Mary, ti va di festeggiare Halloween insieme? Si, si, pensavo di andare alla casa del vecchio Fred, sai quel vecchio scorbutico che ci spaventava da bambini ed era scomparso anni fa? Quest’anno Halloween cade nuovamente di venerdì 13 come allora, sarà uno spasso… Ah non puoi? Va bene, ci vado lo stesso da solo, aspetto la mezzanotte per spaventare i bambini, poi ti racconto.

Trovate questo racconto sul mio canale youtube…

A quarter to midnight: A chilling story for your Halloween

To accompany this story put into play the soundtrack that you have chosen for you …

– Still a stupid Halloween, all those horrible masks and those damned children with their plastic pumpkin, I can not take it anymore, this year I will not open the door to anyone and I will be holed up at home waiting for it to pass.

And so the day fell and the noise of cars and the buzz of the people left room for silence before the start of the Halloween collection, yet it seemed that something was different this year, the silence lasted longer than normal.

-Could it be that those stupid brats this time decided to leave me alone? Ah, I’d be too lucky, they’re building something.

So Fred put his ear to the door hoping to hear some sound, but you could hear nothing, no sound, nothing at all.

-Diables of brats, they are orchestrating well … They believe to scare me? Well I’ll take them.

Fred opened the door and looked out, but could not be prepared for what he saw, everything was still, motionless and a grayish fog filled everything. Neighbors’ houses seemed less close than usual, and the most distant ones had completely disappeared.

– What kind of devilry is this? Damn you brats! I come to pick you up and you will see what I will do to your stupid tricks!

Quickly launched into the fog screaming nonsense threats, but nothing moved and no one answered, turned to go home but his door was far away … The surrounding houses, which he could still see, now almost disappeared completely and he tried desperately to run towards the light of his house, but the more he ran and the further he went …

– Just please! I’m scared!

Fred in terror fell to the ground and began to cry and sob, and that was when he saw something out of the fog. He looked like a man covered with a rotten sheet that was leaking as he approached, when he was close enough he saw the face, an empty face without expression. Fred screamed and struggled until the sheet completely covered it, then the silence.

-Hello Mary, do you want to celebrate Halloween together? Yes, yes, I was thinking of going to old Fred’s house, you know that old crabby man who frightened us as children and disappeared years ago? This year Halloween falls again on Friday 13 as then, it will be a hoot … Ah you can not? All right, I go there alone, I wait for midnight to scare children, then I’ll tell you.