Un occhio alle maledizioni: Il videogame Sad Satan

Caro lettore, continuiamo la rassegna dei videogame maledetti con un gioco piuttosto recente: Sad Satan.

Questo è un gioco realizzato all’interno del DeepWeb, spaventoso, senza senso e di cattivo gusto. Fa la sua comparsa in modo misterioso su alcuni canali youtube in cui si possono osservare alcune scene, stanze scure, corridoi interminabili ed immagini raccapriccianti.

Quel che lo rende tanto spaventoso è il fatto che nessuno sappia esattamente chi lo abbia creato e per quale motivo, sappiamo che contiene materiale illegale e virus di ogni tipo quindi scaricarlo è fuori questione.

Chiunque lo abbia visto si rende conto di aver fatto uno sbaglio, giocarci ti lascia un senso di frustrazione e angoscia inspiegabile.

Con il tempo sono state create delle versioni modificate e censurate, ma in ogni caso sconsiglio di provarlo. Non ha un vero fine, non si capisce come andare avanti, sembra che il solo scopo del gioco sia instillare nei giocatori una paura ed angoscia primordiale attraverso scene raccapriccianti e musiche stridule…

Durante lo svolgimento degli eventi sentirete urla strazianti improvvise e vedrete immagini flash spaventose… Un gioco davvero orribile sia sotto il profilo puramente ludico che sul piano psicologico, creato ad hoc da menti malate senza scrupoli.

Vorrei farvi capire che la sensazione che deriva dal giocare questo titolo è simile all’idea che abbiamo di Inferno, una serie di azioni ripetitive senza scopo, una totale impotenza e l’impossibilità di trovare una via d’uscita.

Non voglio proporvi la descrizione di tutti i cinque livelli perché ritengo sia davvero disgustoso, per farvi capire cosa sia l’ambiente di gioco vi propongo un estratto durante il gameplay, e sono certo che vi basterà per decidere di non giocare mai il titolo.

Adesso che sai di che si tratta ti dico cosa penso… Non ho mai provato nessun gioco peggiore di questo, sotto tutti i punti di vista.

Chi sono

La mia carriera scolastica è ben lontana dal mondo del paranormale, ho frequentato un Liceo Scientifico ed ho proseguito con gli studi di Ingegneria Elettronica, anche se la mia vera passione è sempre stata la fisica, che, a dispetto dei limitati esami di ingegneria, continuo a studiare tenendomi aggiornato con libri ed alcuni abbonamenti a riviste di settore, non di quelle che si possono trovare in edicola, quelle di fisica vera direttamente trattate dai centri di ricerca.

Sono curioso per natura, e tendo ad essere particolarmente distratto da ogni nuovo stimolo, cosa che mi porta ad occuparmi di svariati argomenti contemporaneamente, a volte davvero diversi tra loro come la cucina o la meccanica…tendo a cambiare spesso prospettive di studi, ma se questa cosa è per la scuola tradizionale un bel problema, risulta invece un vantaggio quando si è liberi da vincoli imposti.

Un consiglio che lascio a tutti voi è quello di guardare verso l’alto, non accontentatevi di quel che leggete online, sviscerate gli argomenti che vi affascinano e cercate di portare la vostra comprensione sempre un gradino in su, questa è la mentalità giusta.