Strumenti per il Ghost Hunter: Realizziamo uno spirit box

Amici, per prima cosa spieghiamo cosa sia uno Spirit Box… Se anche voi andate in giro per la rete ad osservare le varie indagini dei gruppi di Ghost Hunter avrete certamente visto e sentito quel marchingegno rumorosissimo che somiglia ad una radiolina, questo è lo Spirit Box. Si tratta di un apparecchio elettronico capace di scansionare le frequenze radio in modo continuo che avrebbe la capacità di comporre durante la scansione delle parole di senso compiuto attingendo delle parti pescate dalle varie trasmissioni. La scansione è velocissima, tipicamente 100 ms, e può essere aumentata o diminuita a piacimento. La peculiarità di questo strumento è il fatto che la presunta Entità riesca a manipolare le frequenze radio componendo parole o frasi assemblandole durante la scansione radio. Sarebbe quindi impossibile che le frasi possano venire di senso compiuto in modo casuale… Quindi per capirci, se allo spirito dovesse servire rispondervi “Si” allora farà in modo che lo strumento componga esattamente la parola usando più trasmissioni radio, abbastanza chiaro vero? Lo strumento esegue quindi una scansione a velocità alta e variabile, valori tipici sono 50, 100, 150 e 200 millisecondi. Lo Spirit Box cambia quindi stazione ogni 50, 100, 150 e 200 volte al secondo con la possibilità di scansionare più bande, nel caso dei sistemi professionali, e anche miscelare le fonti. Funziona davvero? Bene, funzionare funziona, ma chiaramente la certezza che non sia un caso diventa un ostacolo come in tutta la ricerca paranormale. Certo è che se alla domanda “Quando sei morto?” si dovesse avere risposta “Sono morto da poco” capite bene che sarebbe abbastanza veritiero ed è proprio quel che si cerca. Potete trovare gli spirit box in vendita un po’ ovunque, ma io cercherò di spiegarvi come realizzarne uno in modo economico (che comunque non avrà tutte queste funzioni, ma sarà basilare). Se avete una radiolina fm a scansione automatica di frequenza (di quelle che premete il tasto per trovare automaticamente la stazione successiva) siete a buon punto, in particolare sono da preferire quelle che hanno un antenna telescopica, perché basano la loro ricezione sull’apporto dell’antenna esterna con minore potenza del pre-amplificatore, a differenza delle radioline con antenna interna che che le rende non adatte al nostro scopo. Quel che dovremmo fare è aprirla e rimuovere l’antenna in modo che la sua capacità di ricezione venga compromessa in modo deciso ed a questo punto lanciando la scansione automatica delle frequenze la radio andrà in loop continuo creando durante questi cicli delle parole o frasi. Potete trovare questo strumento già pronto qui: Questo post contiene uno o più link di affiliazione Amazon https://www.amazon.it/dp/B00545JSNG?tag=gz-blog-21&linkCode=osi&th=1&psc=1&ascsubtag=0-f-n-av_realmisterx Oppure se vi va di provare…