Storia di una casa stregata

Questa è una storia a cui tengo molto perché è assolutamente verificata da me in prima persona. Ai tempi dell’università ho vissuto in una casa di epoca vittoriana, di proprietà di un carissimo amico, insieme ad altri tre amici ed il proprietario. La casa si trova in un centro storico famoso di cui non citerò nient’altro per proteggere la privacy del proprietario. Ora è importante fare un piccolo preambolo per spiegare la struttura di questa casa, era confinante con una chiesa e al tempo della guerra era di questa parte integrante adibita ad ospedale/sanatorio, tanto che all’interno degli appartamenti ancora di distinguevano forme di archi poi trasformati in porte standard. Al tempo del mio racconto noi eravamo gli unici abitanti di questo mini condominio articolato su 4 piani dei quali due sono di proprietà del mio amico. Passavamo tutta la settimana insieme fino al venerdì, quando a causa dei turni per le lezioni due di noi si alternavano a star soli il venerdì sera per la lezione del sabato mattina. Proprio in uno di questi venerdì mi è capitata la prima strana vicenda, durante la notte ho iniziato a sentire dei passi e strani rumori dietro la porta della mia camera, ed essendo certo che nessun altro era in casa ho pensato che qualcuno si fosse introdotto in casa, quindi armato di coraggio mi  sono deciso ad accendere tutte le luci e fare un giro per casa nella speranza di non incontrare nessuno; non ho trovato nulla di strano, nessuno dentro casa, porte e finestre chiuse, niente di niente. Sono quindi andato a letto ed ecco ricominciare rumori e passi dietro la mia porta. Di questa vicenda non avevo parlato a nessuno finché il venerdì successivo il turno era del mio amico… Al lunedì gli ho chiesto se tutto era andato liscio e se si era sentito solo, lui mi ha raccontato una storia di passi dietro la sua porta e tanti strani rumori che cessavano appena si alzava a controllare, la mia stessa esperienza… A quel punto non ci facevo più caso, con il tempo mi ero abituato a questa stranezza che non sembrava pericolosa, finché abbiamo iniziato a sentire altri rumori provenire da una scala a chiocciola metallica che portava alla terrazza, qualcosa la faceva sobbalzare spesso come se qualcuno la salisse e la scendesse continuamente. In una di quelle sere ho fatto un sogno stranissimo, un uomo anziano, un ragazzo vestito di pelle sempre di spalle ed una bambina sui 5 anni vestita con un abitino con maniche a sbuffo celeste che saliva e scendeva dalla scala metallica. L’anziano signore mi ha raccontato di essere morto in quella casa di vecchiaia e che il ragazzo era suo figlio, morto in un incidente motociclistico… della bambina non mi ha detto nulla. Inutile dire che al mattino ero un pò sconvolto ed ho raccontato il sogno al padrone di casa che inizialmente ha preso a ridere la cosa, ma poi ne ha parlato ai suoi genitori che gli hanno raccontato che quando erano studenti e stavano in quella casa, uno degli appartamenti era abitato da una famiglia con una bambina che verso i 4/5 anni si era arrampicata sulla terrazza ed era caduta in uno dei pozzi luce perdendo la vita. Da allora abbiamo avuto la certezza che qualcosa ancora viveva in quello stabile, qualcosa di buono e tormentato, è realmente una casa stregata.