Il poema maledetto: l’inferno di Tomino

Cari lettori eccoci ad analizzare la creepypasta su un manoscritto maledetto che si dice arrivato al grande pubblico nei primi del 900… Si tratterebbe di una poesia scritta da una bambina disabile che sembra possa portare sventura a coloro che la leggano. Le parole all’interno della poesia suonano come una maledizione, cose del tipo: Chiunque leggerà questa poesia etc etc…

Alla fine del post troverete il testo, l’ho letto personalmente giusto per sfatare i miti riconducibili a questa poesia. Voglio solo spiegarvi come, questa poesia, avrebbe assunto questo potere malvagio…

La bambina chiamata Tomino (Tomino no Jigoku) avrebbe scritto questa poesia augurando male a chiunque l’avesse letta, forse spinta dalla rabbia per la sua condizione fisica che l’aveva resa comprensibilmente cattiva ed arrabbiata con il mondo. Sfortunatamente per la piccola il testo finì nelle mani dei genitori che la punirono rinchiudendola in cantina e facendola morire di fame e stenti…

Chiamare genitori delle persone simili è di per sé già un azzardo, ma tale è la storia e la piccola vide crescere in se la rabbia ed il rancore che si infuse nella sua opera letteraria tanto che oggi ci troviamo di fronte ad una creazione più prossima al demoniaco che all’umano.

La storia di questo manoscritto è una creepypasta ma va detto che il testo esiste ed è incluso nella raccolta di poesie e racconti “The Heart is Like a Rolling Stone” ed è vero che alcune persone legate a questo racconto abbiano avuto disgrazie che certamente sono delle coincidenze, in fondo quante persone che conoscete hanno avuto dei seri problemi? Potete dire che siete voi a portare male? Sono assurdità… L’autore della Creepy “Inferno di Tomino” sembra sia un autore che utilizza lo pseudonimo devilismysmile…

Se la vostra curiosità non vi consente di ignorare questa leggenda eccovi il testo originale tradotto:

«La sorella maggiore vomitò sangue, la sorella minore vomitò fiamme,
e l’adorabile Tomino, vomitò frammenti di vetro.
Tomino cadde da solo nel profondo inferno,
l’inferno è avvolto dall’oscurità, e nemmeno i fiori sbocciano.
E’ la sorella di Tomino quella con in mano una frusta,
mi chiedo chi sia la shubusa (?) della frusta.
Colpisci, colpisci, ma senza colpire,
l’inferno familiare ha una sola via.
Lo guideresti nell’oscurità dell’inferno,
alla pecora d’oro, dal sontuoso uccello canoro.
Mi chiedo quanto abbia messo nella sua tasca di pelle,
in preparazione dell’inferno familiare.
La primavera sta arrivando anche nella foresta e nel ruscello,
anche nel ruscello dell’oscuro inferno.
L’uccello canoro nella gabbia, la pecora nel vagone,
lacrime sugli occhi di Tomino.
Piangi, uccellino, attraverso le foreste piovose.
Urla che sente la mancanza della sorella minore.
L’eco del pianto riverbera attraverso l’inferno,
i fiori di peonia sbocciano.
Girando in cerchio per le sette montagne ed i sette ruscelli dell’inferno,
il viaggio dell’adorabile Tomino prosegue.
Se sono all’inferno portali a me,
gli aghi delle tombe.
Non mi pungerò con l’ago rosso,
ad i traguardi del piccolo Tomino. »

Tratto da: https://www.ilparanormale.com/leggende-metropolitane/linferno-di-tomino-la-poesia-maledetta/

Ed il testo originale…

トミノの地獄
Tomino no Jigoku

姉は血を吐く、妹(いもと)は火吐く、
Ane wa chi wo haku, imoto wa hihaku,
可愛いトミノは 宝玉(たま)を吐く。
kawaii tomino wa tama wo haku.
ひとり地獄に落ちゆくトミノ、
hitori jihoku ni ochiyuku tomino,
地獄くらやみ花も無き。
jigoku kurayami hana mo naki.
鞭で叩くはトミノの姉か、
muchi de tataku wa tomino no aneka,
鞭の朱総(しゅぶさ)が 気にかかる。
muchi no shubusa ga ki ni kakaru.
叩けや叩きやれ叩かずとても、
tatake yatataki yare tataka zutotemo,
無間地獄はひとつみち。
mugen jigoku wa hitotsu michi.
暗い地獄へ案内(あない)をたのむ、
kurai jigoku e anai wo tanomu,
金の羊に、鶯に。
kane no hitsu ni, uguisu ni.
皮の嚢(ふくろ)にやいくらほど入れよ、
kawa no fukuro ni yaikura hodoireyo,
無間地獄の旅支度。
mugen jigoku no tabishitaku.
春が 来て候(そろ)林に谿(たに)に、
haru ga kitesoru hayashi ni tani ni,
暗い地獄谷七曲り。
kurai jigoku tanina namagari.
籠にや鶯、車にや羊、
kagoni yauguisu, kuruma ni yahitsuji,
可愛いトミノの眼にや涙。
kawaii tomino no me niya namida.
啼けよ、鶯、林の雨に
nakeyo, uguisu, hayashi no ame ni
妹恋しと 声かぎり。
imouto koishi to koe ga giri.
啼けば反響(こだま)が地獄にひびき、
nakeba kodama ga jigoku ni hibiki,
狐牡丹の花がさく。
kitsunebotan no hana ga saku.
地獄七山七谿めぐる、
jigoku nanayama nanatani meguru,
可愛いトミノのひとり旅。
kawaii tomino no hitoritabi.
地獄ござらばもて 来てたもれ、
jigoku gozarabamo de kitetamore,
針の御山(おやま)の留針(とめはり)を。
hari no oyama no tomebari wo.
赤い留針だてにはささぬ、
akai tomehari date niwa sasanu,
可愛いトミノのめじるしに。
kawaii tomino no mejirushini.

Tratto da: https://creepypasta.forumcommunity.net/?t=60518250