Iglesias è una città che ho nel cuore, ci ho vissuto, ho diversi amici che ci vivono attualmente ed è antica e ricca di leggende.

Ricorderete il fantasma della cattedrale immagino, bene ne esistono tante altre, una di queste è quella della bimba del cimitero monumentale.

Questo antico cimitero è un capolavoro del genere, ricco di opere d’arte funeraria, statue, colonne, tombe sontuose, ma tra tutte le opere spicca la statua di una bimba. La statua rappresenta una piccola defunta nel 1901 a causa di una meningite che non le ha dato scampo, figlia di un notaio piuttosto conosciuto in città, la bimba si chiamava Zaira Paola Grazia.

Leggenda vuole che la piccola Zaira, la bimba del cimitero, allo scoccare della mezzanotte, lasci la sua posa plastica ed inizia a correre e giocare con il suo cerchio lungo il viale del cimitero dove è sepolta insieme ad altri bambini.

Oltre a questa triste leggenda ne esiste un’altra che lega il 2 novembre alla statua della piccola, che si desterebbe per una passeggiata rendendosi visibile unicamente ad altri bambini. Fin qui tutto romantico e triste, ma si racconta che molti bambini, dopo aver sognato la bimba del cimitero che li invitava a giocare con lei, siano morti entro l’anno… Certo questa è pura speculazione e dalle mie ricerche non esiste un solo caso confermato, eppure aggiunge un aura di mistero e fascino alla leggenda popolare che se non altro permette alla povera Zaira di continuare a vivere nei ricordi dei cittadini di Iglesias la vita che non ha potuto vivere davvero.

Un sentito ringraziamento a Paola Virgilio per la segnalazione ed il materiale informativo fornitomi.