Il concetto di Male è universalmente noto, c’è chi lo definisce il risultato di una semplice catena di eventi sfortunati e chi lo umanizza dandogli vita propria, ma tutti sono concordi nella sua esistenza, e come non potrebbero?

Quel che vorrei proporvi è legato forse più al concetto cattolico che chiaramente lo vede come Entità interpretata da demoni e da il signore di questi il Diavolo…

La Chiesa spesso e volentieri afferma che il più grande trucco del Diavolo è far credere di non esistere ed a questo mi appiglio per questa mia teoria (teoria senza alcun fondamento, ci tengo a precisare).

Ipotizzando che il Male sia una entità fisica, chiamatelo come volete, è possibile che sia il responsabile di alcune scelte compiute dalle menti più fragili e sensibili? Ossia che, il Male, suggerisca che scelte fare e che, su chi sia fragile, attecchisca come un morbo, portando alcuni a compiere atti estremi.

So bene che questa cosa possa apparire come una giustificazione per atti indicibili, eppure è innegabile che chi si macchi di certe nefandezze non abbia una mente normale…

Cosa ne pensate?

Chi sono

La mia carriera scolastica è ben lontana dal mondo del paranormale, ho frequentato un Liceo Scientifico ed ho proseguito con gli studi di Ingegneria Elettronica, anche se la mia vera passione è sempre stata la fisica, che, a dispetto dei limitati esami di ingegneria, continuo a studiare tenendomi aggiornato con libri ed alcuni abbonamenti a riviste di settore, non di quelle che si possono trovare in edicola, quelle di fisica vera direttamente trattate dai centri di ricerca.

Sono curioso per natura, e tendo ad essere particolarmente distratto da ogni nuovo stimolo, cosa che mi porta ad occuparmi di svariati argomenti contemporaneamente, a volte davvero diversi tra loro come la cucina o la meccanica…tendo a cambiare spesso prospettive di studi, ma se questa cosa è per la scuola tradizionale un bel problema, risulta invece un vantaggio quando si è liberi da vincoli imposti.

Un consiglio che lascio a tutti voi è quello di guardare verso l’alto, non accontentatevi di quel che leggete online, sviscerate gli argomenti che vi affascinano e cercate di portare la vostra comprensione sempre un gradino in su, questa è la mentalità giusta.