Crea sito

Real Mister X

[email protected]

Month

Settembre 2020

Su carr’e Nannai: Antica leggenda sarda

Su carr’e Nannai è forse una delle leggende sarde più note e folkloristiche, esattamente come accade per il carro della morte, o per altre strane credenze popolari, questa affonda le sue radici nella più antica tradizione popolare. Sembra che origine… Continue Reading →

My two cents: Le monete per pagare il traghettatore

L’espressione “my two cents” è diventata patrimonio popolare grazie a diverse pellicole e, credo, soprattutto ai buoni vecchi Simpson che, con il loro personaggio Kent Brockman, ne hanno realizzato una macchietta dissacrante e divertente. Ma cosa indicano queste monete in… Continue Reading →

Il marchio di Caino

Il marchio di Caino è forse una delle stranezze religiose più note e meno conosciute. Cerchiamo di spiegare i fatti dall’inizio; Caino e Abele erano due fratelli e qui credo tutti ne abbiamo una chiara percezione, pare che per gelosia,… Continue Reading →

Vampiro: Storia e origine di una affascinante creatura

Pensate di potermi distruggere con i vostri idoli? Io che ho servito la Croce, io che ho comandato eserciti secoli prima che voi nasceste! Parole di Dracula, il più celebre vampiro del cinema e della letteratura, parole che ci hanno… Continue Reading →

La nebbia che tramanda paure ancestrali, cosa la rende così lugubre?

La nebbia da sempre è associata al mistero, alla paura, all’ignoto… Ma perché questa visione tanto diffusa di un fenomeno assolutamente normale? In buona parte il concetto di nebbia associato al paranormale deriva dai film horror ed alla letteratura di… Continue Reading →

Whepstead Manor, la casa più infestata d’Australia

Come sicuramente sapete, ogni continente ha la sua quantità di leggende e luoghi considerati infestati, così l’Australia può vantare la Whepstead Manor. In effetti è abbastanza differente da qualsiasi altra casa infestata che possa venirci in mente, ha una struttura… Continue Reading →

© 2020 Real Mister X — Powered by WordPress

Theme by Anders NorenUp ↑

Close